Supercafone

1156
supercafone

Il supercafone è un brano del rapper Piotta (Er Piotta) uscito a giugno del 1999 ed in pochissimo tempo diventato un vero e proprio tormentone.

Spinto tantissimo dalle radio questo brano ha permesso al rapper romano di vincere il premio come artista rivelazione dell’anno dato dall’AFI. Sempre nel 1999 vinse anche il disco di platino, aumentando ancora di più la sua popolarità.

Che possa piacere o meno è un fatto del tutto opinabile, ma di certo non si può negare il mega successo ottenuto.

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

Video

Testo Supercafone

Sento un fischio, non resisto
Musica maestro, vai cor disco
Pisto, nella folla me ce ammischio
Il dj je l’ammolla se corre il rischio
Niente fiaschi, riempio piste
Piotta è sul piatto e nessuno è piu’ triste
Chi in pista veste come Manero Tony
Mangianastri a palla negli Alfettoni
Pantaloni a zampa, la giacca della standa
La cubista in tanga, eccita la banda
Mi metto in branda e sogno un sei all’enalotto
Poi me compro tutto quello che è coatto
Lo studio 54 o il Piper disco
Ma Amanda Lear è una femmina o un maschio?
Piotta, merlo maschio come Lando
Un urlo un lampo il cafone è sul palco
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de lò
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de là
Fammela vede nun te fermà
Alla fine del mese alla borsa: EuroPiotta
Di corsa alla banca del seme: Robba Coatta
Se non è robba nostra devastiamo tutto
A casa nun ve manno…”Ah senza tetto”
Piu’ a palla, niente ballo del “Quaqua”
Il Supercafone eccolo qua
“Com’e’ bello fa l’amore” come canta la Carra’
Anda’ co’ Califano al Festivalbar
Co’ ‘na stella dell’Hard su Novella
Brinda’ co’ Funari a sciampagna e mortadella
Sur Ferrari co’ ‘na pischella der varieta’
“Vota Moana” pe’ cambia’ la societa’
Il rap… chi lo ama e chi lo frega
Io so’ coatto come Mario Brega
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de lò
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de là
Fammela vede nun te fermà
Si, si, si.aha, aha, aha
Piotta e Robba Coatta… Supercafoni!
Il sole integrale ar mare o in balcone
O la classe serale dei supercafoni
Giovani coatti come Manuel Fantoni
“Ah bella” vie’ co’ sti maschioni
Signore e Signori io so’ Mister Okey
Il rapper giusto per lui e per lei
Provo disgusto per ogni gentilezza
Il cafone è trucido come er Monnezza
“Che pezza”, la voce si spande
Dalle Alpi alle Ande
Piotta, sei grande!
Ignorante con l’abbronzante,
Abbondante fra le mutande
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de lò
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de là
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de lò
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de là
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de lò
Fammela vede nun te fermà
Il supercafone eccolo qua
Piotta è il suo nome nun lo scordà
Movi la mano de qua e de là
Fammela vede nun te fermà