Remì: un cartone cult degli anni 70

86
Remì: un cartone cult degli anni 70

Remì (anche conosciuto come dolce Remi oppure come Remi – Le sue avventure) è un cartone animato cult degli anni 70 prodotto nel 1977 dalla Tokyo Movie Shinsha.
Il cartone è stato tratto dal romanzo Senza Famiglia di Hector Malot, in Italia è andato inonda nel 1979 su Rai 1

Trama

Remì è un bambino che abita in un piccolo paesino francese insieme al padre, la vita sembra scorrere tranquilla fino a che un episodio cambia tutto.
Il padre infatti rimane invalido a causa di un grave infortunio sul lavoro, e per sbarcare il lunario decide di vendere Remi ad un suonatore ambulante.
Prima di fare questo rivela allo stesso giovane di non essere il vero padre e di averlo trovato al di fuori di una chiesa.
Il suonatore ambulante che ha comprato Remì è Vitali un italiano dal carattere burbero e poco socievole, ma che in realtà si rivelerà un gigante buono e per Remì sarà come un padre.
Insieme a Vitali ed al piccolo Remì, ci sono la scimmietta Jolie Coeur e tre cani ovvero Capi, Zerbino e Dolce.
Inizia cosi per il piccolo un girovagare per tutta la Francia per racimolare qualche soldo per tirare avanti con tutta la compagnia, che aumenta grazia all’arrivo di Mattia.
Remì spera sempre di ritrovare la madre perduta e mai dimenticata, ma nel frattempo si affeziona come se fosse un fratello a Mattia.
I due dopo la morte dei tre cani, della scimmietta, e dello stesso Vitali vivranno insieme mille avventure.
Remì dopo essere arrivato piú volte vicino alla propria madre, la ritrova in Svizzera.
La stessa madre adotterà anche il piccolo Mattia ed il fratello di Remì, il piccolo Arthur.

remi

Curiosità 

Questo cartone nel suo paese d’origine è stato un flop, mentre negli altri paesi dove è stato trasmesso ha avuto un enorme successo.
Con i suoi 51 episodi sicuramente Remì si colloca tra i cartoni animati cult degli anni 70 e 80

Qui sotto vi lascio la sigla di questo cartone, se invece volete vedere altri mitici cartoni animati degli anni 80 e 90 cliccate qui.

Remì sigla