Micheal Jackson

226

Michael Joseph Jackson nasce il 29 agosto 1958 nella città di Gary (Indiana) da famiglia non certo benestante. Fin dall’infanzia Micheal insieme agli altri componenti della famiglia si interessa alla musica tanto che il padre decide di formare un gruppo musicale, i “jackson Five”, che in brevissimo tempo vengono ingaggiati dalla leggendaria etichetta discografica “Motown” con il quale realizzano circa 15 album scalando le classifiche di mezzo mondo.
Nel 1975 a causa di contrasti con la stessa etichetta discografica il gruppo rescinde il contratto e solo un componente Jermaine rimane con la Motown, cosi i Jackson Five diventano semplicemente i Jacksons.
Nel 1978 Micheal decide di intraprendere la carriera da solista partecipando anche come attore alle riprese del film “the wiz” dove conosce la leggenda R&B Quincy Jones con il quale registra il suo primo album da solista.
Off the wall questo il nome dell’album raggiunge la vetta delle classifiche mondiali oscurando di fatto i Jacksons, e apre la strada al secondo album che resterà per sempre nell’olimpo musicale ossia il famosissimo “Triller”, che rimane in testa alle classifiche per ben 37 settimane vendendo qualcosa come 40 milioni di copie.
Con tutti i soldi guadagnati Micheal compra un enorme ranch in California ribattezzandolo con il nome di “neverland”, attrezzandolo come un parco giochi per bambini che ospitava anche nella sua dimora.
Ossessionato dalla chirurgia plastica si sottopone a numerosi interventi per cambiare il suo aspetto, cosa che a molti fa storcere il naso.
Nel 1985 acquista anche la  ATV publishing che possiede i diritti della quasi totalita della canzoni dei Beatles, e con questa mossa si chiudono i rapporti con Paul McCartney.
Nello stesso anno esce il singolo “we are the world” i cui proventi vengno destinati ai bambini africani, il successo è planetario.
Nel 1987 esce il nuovo album “Bad” che non raggiunge il successo dell’album precedente ma che comunque si piazza velocemente in pole a tutte le classifiche mondiali.
Nel 1991 esce anche l’album “Dangerous” altro successo mondiale, ma al contempo voci sempre piu insistenti su presunte molestie verso minori iniziano a far scricchiolare il successo dell’artista, che per tutta risposta si sposa con Lisa Marie Presley figlia del grande Elvis.
Il matrimonio dura solo due anni ma le voci sulla sua vita privata si fanno sempre più insistenti, Micheal cosi sposa in seconde nozze la sua infermiera dal quale avrà il suo primo figlio.
Non si ferma neanche la voglia di fare musica ed ecco che nel frattempo esce “History”, accompagnato come di consueto da un’enorme campagna promozionale, tra cui video di statue enormi di Jackson che vagano per le strade d’Europa. L’album è doppio e consiste in un disco di “greatest hits” e in uno di materiale nuovo, tra cui il singolo “Scream” (in duetto con la sorella Janet) e la canzone “They don’t care about us” che diventa oggetto di controversie per i testi ritenuti da alcuni anti-semiti e quindi successivamente modificati. L’uscita viene supportata da un’altra tourné. Il blitz multimediale viene scalato per il successivo e più recente disco del 1997, “Blood on the dance floor”.
Michael Jackson viene inserito nella Rock’n’Roll Hall of fame nel marzo 2001. Lo stesso anno viene organizzato un mega concerto al NYC ‘s Madison Square Garden per celebrare i 30 anni di carriera.
Negli anni 2000 Michel vede concludersi il processo che lo vedeva imputato per molestie sui minori, la star viene prosciolta da tutte le accuse.
Dopo la chiusura del Neverland ranch, dopo presunti problemi di salute, con molti debiti da evadere e dopo molto tempo lontano dalle scene, nel mese di marzo del 2009 torna in pubblico organizzando a Londra una conferenza stampa per presentare il suo nuovo tour mondiale che proprio dalla capitale britannica avrebbe dovuto partire a luglio. Ma il tour non sarebbe mai iniziato: Michael Jackson muore improvvisamente a causa di un infarto, nella sua casa di Los Angeles il 25 giugno successivo, a 51 anni non ancora compiuti.
A poche settimane di distanza dal fatto si parla sempre più di un caso di omicidio, perpetrato ai danni del cantante dal suo medico personale, il quale gli avrebbe somministrato una dose letale di anestetico. L’ipotesi viene poi ufficializzata all’inizio del 2010.