L’anno che verrà

391
l'anno che verrà

L’anno che verrà è un brano di Lucio Dalla pubblicato nel 1978 all’interno dell’album chiamato proprio Lucio Dalla.

Una prima versione della canzone pare che sia stata scritta dedicandola all’amico Giuseppe Rossetti, che venne imprigionato nel carcere della Dozza per apparenti ragioni politiche.

Il brano ha avuto un notevolissimo successo, e ancora oggi questo successo non accenna a diminuire. Nel tempo diverse sono state le cover realizzate, l’ultima delle quale dl gruppo dei Ricchi e Poveri.

lucio dalla

Curiosità

Il brano ha anche dato il nome ad una famosissimo programma di casa Rai che viene trasmesso l’ultimo giorno dell’anno.

Il capodanno Rai (www.lannocheverra.rai.it) è l’ultimo programma con cui si chiude la stagione di Rai 1.

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

L’anno che verrà – Lucio Dalla

Testo

Caro amico, ti scrivo, così mi distraggo un po’E siccome sei molto lontano, più forte ti scriveròDa quando sei partito c’è una grande novitàL’anno vecchio è finito, ormaiMa qualcosa ancora qui non va
Si esce poco la sera, compreso quando è festaE c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestraE si sta senza parlare per intere settimaneE a quelli che hanno niente da direDel tempo ne rimane
Ma la televisione ha detto che il nuovo annoPorterà una trasformazioneE tutti quanti stiamo già aspettando
Sarà tre volte Natale e festa tutto il giornoOgni Cristo scenderá dalla croceAnche gli uccelli faranno ritornoCi sarà da mangiare e luce tutto l’annoAnche i muti potranno parlareMentre i sordi già lo fanno
E si farà l’amore, ognuno come gli vaAnche i preti potranno sposarsiMa soltanto a una certa età
E senza grandi disturbi qualcuno spariràSaranno forse i troppo furbiE i cretini di ogni età
Vedi, caro amico, cosa ti scrivo e ti dicoE come sono contentoDi essere qui in questo momentoVedi, vedi, vedi, vedi
Vedi caro amico cosa si deve inventarePer poter riderci sopraPer continuare a sperare
E se quest’anno poi passasse in un istanteVedi amico mioCome diventa importanteChe in questo istante ci sia anch’io
L’anno che sta arrivando tra un anno passeràIo mi sto preparando, è questa la novità