La solitudine

283
la solitudine

La solitudine è un brano del 1993 presentato al Festival Di Sanremo interpretato dalla cantante Laura Pausini, la quale con questa canzone ha vinto la sezione novità di quella edizione del Festival.

Il Brano

La canzone parla del forzato allontanamento di una ragazza dal suo fidanzato, che per motivi di lavoro del padre è stato costretto a trasferirsi in un altra città.

Il testo è un racconto del vuoto che sente la giovane dopo la partenza del ragazzo, sembra che niente abbia più alcun senso, e senza di lui la ragazza si sente persa.

la solitudine

Curiosità

Dopo l’enorme successo ottenuto al Festival di Sanremo, questo brano è stato tradotto in tantissime lingue, come lo spagnolo e l’inglese.

La solitudine di Laura Pausini ha ottenuto uno straordinario successo commerciale, anche al di fuori del nostro paese, e nel 2001 è stato inserito nell’album The Greatest Hits of Laura Pausini.

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

Video

Testo

Marco se n’è andato e non ritorna più
Il treno delle 7:30 senza lui
è un cuore di metallo senza l’anima
Nel freddo del mattino grigio di città

A scuola il banco è vuoto, Marco è dentro me
è dolce il suo respiro fra i pensieri miei
Distanze enormi sembrano dividerci
Ma il cuore batte forte dentro me

Chissà  se tu mi penserai
Se con i tuoi non parli mai
Se ti nascondi come me
Sfuggi gli sguardi e te ne stai

Rinchiuso in camera e non vuoi mangiare
Stringi forte al te il cuscino
Piangi non lo sai
Quanto altro male ti farà  la solitudine

Marco nel mio diario ho una fotografia
Hai gli occhi di bambino un poco timido
La stringo forte al cuore e sento che ci sei
Fra i compiti d’inglese e matematica

Tuo padre e suoi consigli che monotonia
Lui col suo lavoro ti ha portato via
Di certo il tuo parere non l’ha chiesto mai
Ha detto un giorno tu mi capirai

Chissà  se tu mi penserai
Se con gli amici parlerai
Per non soffrire più per me
Ma non è facile lo sai

A scuola non ne posso più
E i pomeriggi senza te
Studiare è inutile tutte le idee
Si affollano su te

Non è possibile dividere
La vita di noi due
Ti prego aspettami amore mio
Ma illuderti non so

La solitudine fra noi
Questo silenzio dentro me
è l’inquietudine di vivere
La vita senza te

Ti prego aspettami perché
Non posso stare senza te
Non è possibile dividere
La storia di noi due