La notte dei pensieri

296
La-notte-dei-pensieri

La notte dei pensieri è un brano di Michele Zarrillo presentato al Festival di Sanremo del 1987 nella sezione nuove proposte, dove arrivò primo classificato.

Il brano

La canzone viene incisa in un 45 giri insieme al brano “E intato vivo”, in seguito saràessere inserita in diverse raccolte e live futuri dell’artista.
Il testo parla di un uomo che riflette sui propri errori del passato in un rapporto sentimentale, al momento chiuso, ma che lui cerca di riaprire una volta e per sempre.

La notte dei pensieri

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

La notte dei pensieri

Testo

Se penso che adesso io non ti conosco, adesso
Un po’ ti detesto e un poco mi piaci, per questo
Tu chi sei? Mi sorprende tutto quello che fai
E poi qui tu coi tuoi problemi già mi prendi di più, oh
Come farò con te?
Questa notte io penso che
Come farò, non so
È per questo che dico
È la notte dei pensieri e degli amori
Per aprire queste braccia verso mondi nuovi
Ho sbagliato troppe volte ed è per questo
Per la vita e per amore, io ti prendo, adesso
No, no, no, no, no
La mia vera casa è stata la strada, da sempre
Mischiando nel cuore amici ed amori da niente
Con me sai, stai rischiando tutto quello che hai
Però sei qui, mi fa paura ma va bene così, oh
Come farò con te?
Questa notte io penso che
Come farò, non so
È per questo che dico
È la notte dei pensieri e degli amori
Per aprire queste braccia verso mondi nuovi
Ho sbagliato troppe volte ed è per questo
Per la vita e per amore, io ti prendo adesso
Adesso
È la notte dei pensieri e degli amori
Questa notte io ti prendo come fossi un fiore
È la mano nella mano che conosco
Per la vita e per amore, io ti prendo, adesso
No, no, no, no, no
Ehi
Tururu, tu, tu, tu, tu