Il battito animale

1242
il battito animale

Il battito animale è una canzone del cantautore Raf grazie alla quale lo stesso vince il Festivalbar del 1993.

Lo stesso anno viene pubblicato il fortunatissimo album “Cannibali” dal quale il cantante oltre a questo brano sforna parecchi singoli di successo.

Il brano

La canzone parla dell’istinto primordiale che c’è in ognuno di noi e che salta fuori in situazioni che spesso non ci piacciono. Il ritmo molto orecchiabile e il testo molto fluente fanno si che la canzone abbia un enorme successo di pubblico e critica.

Raf con questa vittoria al Festivalbar entra definitivamente a far parte degli artisti più amati dai giovanissimi e non.

il battito animale

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

acquista-amazon

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

Il battito animale

Il battito animale testo

Credo abbiam perso la testa
O soltanto perso di vista le cose più vere
Nel mare in tempesta
(E forse non basta) e forse non basta
Ti confesso d’avere paura e non mi era ancora successo
Paura del mondo, di te e a volte anche di me stesso
Non (non), non (non), non passa
Abbiamo un battito
Che batte come un martello pneumatico in noi
Ma se lo controlli, col senno di poi
Non batterà mai
Abbiamo un battito sano
Che ci prende la mano come una moto che va
Che va controvento, in velocità
È un rischio, si sa
Se questo mondo non è mai come lo volevi tu
Se ti vien voglia di gridare e non fermarti più
È il battito animale
Batte come non ce n’è
E c’ha un tiro micidiale
Che ti prende, che ti porta via con sé
No che non smette di picchiare
Fino a quando non sarà il tuo battito normale
Quell’istinto naturale che c’è in te
Dentro te, uh
Batte ogni volta che suono con la mia band
Batte più forte, batte fino alla morte
E a volte batte nella musica pop
Va contro tempo, è la parte di te più vera che c’è
E allora prova a lasciarti andare che ti sale su
Va dritto al centro del tuo cuore e non si ferma più, uh
È il battito animale
Batte come non ce n’è
E c’ha un tiro micidiale
Che ti prende, che ti porta via con sé
No che non smette di picchiare
Fino a quando non sarà il tuo battito normale
Quell’istinto naturale che c’è in te
Sì, dentro te, uh
Batte e ribatte che sa di tribale
È il nostro essere naturale che batte, batte, batte e si ribella
A questa nostra vita e al mondo che ci ha cambiati molto, sì
Ma non fino in fondo, non (non), non (non), non (non), non passa
E allora batte, batte, batte interminatamente
Il battito animale che è nella gente
E se lo vuoi ascoltare lui ti dirà non (non), non (non), non (non), non passa
Non, non, non passa
a volte batte nella musica pop
(Che va controvento, in velocità)
È un rischio, si sa, non, non, non passa
come un martello pneumatico in noi, non passa
(Ma se lo controlli, col senno di poi)
(Non batterà mai) non, non, non, non passa
come una moto che va
(Che va controvento, in velocità)
(È un rischio, si sa, non passa, non passa)