Certe Notti

1070
Certe-Notti

Certe Notti è un brano di Luciano Ligabue portato al successo nel 1995 dallo stesso cantante.

Il brano in questione è contenuto nel quinto album del cantante dal titolo “Buon Compleanno Elvis”.

Il brano

La canzone descrive il modo di intendere ed interpretare la notte da parte dello stesso Ligabue, dalle serate passate con gli amici, alle notti a scrivere canzoni.

certe notti

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

Certe notti

Testo

Certe notti la macchina è calda
E dove ti porta lo decide lei
Certe notti la strada non conta
E quello che conta è sentire che vai
Certe notti la radio che passa Neil Young
Sembra avere capito chi sei
Certe notti somigliano a un vizio
Che tu non vuoi smettere, smettere mai
Certe notti fai un po’ di cagnara
Che sentano che non cambierai più
Quelle notti fra cosce e zanzare
E nebbia e locali a cui dai del tu
Certe notti c’hai qualche ferita
Che qualche tua amica disinfetterà
Certe notti coi bar che son chiusi
E al primo autogrill c’è chi festeggerà
E si può restare soli
Certe notti qui
Che chi s’accontenta gode, così così
Certe notti sei sveglio
O non sarai sveglio mai
Ci vediamo da Mario prima o poi
Certe notti ti senti padrone
Di un posto che tanto di giorno non c’è
Certe notti se sei fortunato
Bussi alla porta di chi è come te
C’è la notte che ti tiene fra le sue tette
Un po’ mamma, un po’ porca com’è
Quelle notti da farci l’amore
Fin quando fa male, fin quando ce n’è
E si può restare soli
Certe notti qui
Che se ti accontenti godi, così così
Certe notti son notti
O le regaliamo a voi
Tanto Mario riapre, prima o poi
Certe notti qui, certe notti qui
Certe notti qui, certe notti
Certe notti sei solo più allegro
Più ingordo, più ingenuo e coglione che puoi
Quelle notti son proprio quel vizio
Che non voglio smettere, smettere, mai
E si può restare soli
Certe notti qui
Che chi s’accontenta gode, così, così
Certe notti sei sveglio
O non sarai sveglio mai
Ci vediamo da Mario prima o poi
Certe notti qui
Certe notti qui
Certe notti qui