Capelli Niccolò Fabi

357
Capelli Niccolò Fabi

Capelli è un brano del cantautore Niccolò Fabi scritto a tre mani insieme a Cecilia Dazzi e Riccardo Sinigallia.

Il brano

La canzone è stata presentata al Festival di Sanremo 1997 nella categoria giovani, ed in seguito è stato inserito nel primo album del cantautore romano chiamato Il Giardiniere.

Proprio con Capelli Niccolo Fabi vince il premio della critica e da il via alla sua carriera, e nell’anno dopo si ripresenta al Festival della canzone italiana, ma viene inserito nella categoria big.

Ancora oggi tutti ricordiamo il famoso ritornello (io vivo sempre insieme a i miei capelli), e a distanza di quasi 25 anni questa resta tra le canzoni più conosciuto di Fabi.

Capelli Niccolò Fabi

Se volete rivedere e riascoltare altri grandi brani cult della musica italiana e non, non vi resta altro che seguire questo link per arrivare alla sezione apposita.

In basso potete trovare il videoclip del brano ed anche il relativo testo, siamo certi che guardandolo rifarete un tuffo nel passato esattamente come lo abbiamo fatto noi.

Video

Testo Capelli

Io senza capelli
sono una pagina senza quadretti
un profumo senza bottiglia
una porta chiusa senza la maniglia
biglia senza pista
un pescatore sprovvisto della sua migliore esca
don Giovanni senza una tresca
io senza te uno scettro senza re
Non voglio più chiedere scusa
se sulla testa porto questa specie di medusa
o foresta
non è soltanto un segno
di protesta
ma è un rifugio per gli insetti
un nido per gli uccelli
che si amano tranquilli fra i miei pensieri
e il cielo
sono la parte di me che
mi somiglia di più
Vivo sempre insieme ai miei capelli nel mondo.
Non sono venuto in motocicletta
non mi sono pettinato con le bombe a mano
non ho messo le dita
dentro la spina
non mi sono lavato con
la candeggina
sono uno di quelli che porta i suoi lunghi capelli
per scelta e non usa trucchi
e voi levatevi la parrucca
Io vivo sempre insieme ai miei capelli nel mondo
Tu senza gioielli
sei una pagina senza quadretti un profumo senza bottiglia
una porta chiusa senza maniglia
biglia senza pista
un pescatore sprovvisto della sua migliore esca
don Giovanni senza una tresca
tu senza me uno scettro senza re
Vivi sempre insieme ai tuoi gioielli
Io vivo sempre insieme ai miei capelli nel mondo
Ma quando perdo il senso e non mi sento niente
io chiedo ai miei capelli di darmi la conferma
che esisto
e rappresento qualcosa
per gli altri
di unico vivo, vero e sincero
malgrado questa pietosa impennata di orgoglio
io tento ogni giorno che vivo
di essere un uomo e non un cespuglio